Archivio per la categoria ‘Uncategorized’

Ho scritto una cosa sulle elezioni europee. Volevo metterla su Facebook ma era troppo lunga, e allora mi sono ricordato di avere un blog.

Spero vi rompiate meno i cog vi divertiate voi a leggerla almeno quanto mi sono divertito io a scriverla.

Elezioni europee 2014.

(altro…)

Annunci

Poi giuro che scrivo anche una cosa mia. Questa però nel frattempo mi pare degnissima.

giramenti

Caro Daniel,

da diverso tempo ti reputo il mio stalker e spero davvero che tale qualifica non ti offenda. Del resto, sia chiaro, non saprei come altro considerarti: non un ammiratore e nemmeno un semplice utente di Giramenti.

View original post 807 altre parole

Where we stand

Pubblicato: 18 ottobre 2013 in Uncategorized

Avrete sicuramente tutti fatto un test del genere in un recente passato, specialmente sotto elezioni: rispondete a un tot numero di domande e vi diciamo a quale partito siete più affine.

Ebbene, ieri ho scoperto il padre di tutti questi test: Political Compass. La risposta definitiva a tutti i vostri dubbi sulla vostra collocazione politica. E trattandosi di un grafico bidimensionale, potrete capire sia quanto siete “de sinistra” nella vostra concezione economica del mondo, sia quanto siete “de sinistra”, o meglio “liberali”, nella vostra concezione rispetto ai diritti individuali.

Il risultato del mio test non è stato affatto una sorpresa, quanto una gradita conferma:

pcgraphpng

Quello che un po’ mi ha sorpreso è invece la collocazione dei principali leader politici nello scacchiere di Political Compass:

internationalchart

Praticamente il leader di Syriza in confronto al sottoscritto è una specie di democristiano doroteo, e il Dalai Lama un leader autoritario.

Sia detto che il vostro ha risposto alle domande pensando ai suoi ideali, ma sapendo bene che la pratica politica implica che per raggiungere quegli ideali sul lungo periodo, sul corto bisogna sporcarsi le mani. A volte fino ai gomiti.

Di mercati, del paese e di mammelle

Questa è tipo la situazione di domattina dell’Italia nei confronti dei mercati finanziari.
(A scanso di equivoci: l’Italia è quella con le tette)

Pubblicato: 22 ottobre 2012 in Uncategorized

“Il post che avrei voluto scrivere io”

Slumberland

Ci sono momenti in cui il pubblico – che già dovrebbe occupare una congrua parte nella vita dell’animale sociale, sempre – deve prevalere sul privato, nettamente. E sono quelli prossimi alle scelte di rappresentanza che porteranno a organizzare il futuro del paese. La ‘povna – che pure non ha mai fatto mistero del suo tentativo di ragionare spesso secondo canoni un po’ suoi, che vedono una collettività formata da individui singoli e pensanti (secondo il vecchio modello di Libertà e Giustizia) – crede però nella democrazia indiretta. E come tale sempre ha sempre cercato di orientare la sua partecipazione politica fin da quando ha diritto di votare.
Proprio per questo, pur apprezzando le primarie come metodo (perché le sembrano un buon compromesso tra una democrazia finto-diretta che nasconde solo e soltanto populismo – vero Grillo?! – e quella indiretta, che è la forma migliore che sia dato di praticare attualmente)…

View original post 689 altre parole

Di carte, di identità e di religioni

Pubblicato: 7 settembre 2012 in Uncategorized

Questo post è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale, alla voce “segni particolari”

Nome: Sim

Cognome: Cek

Data di nascita: Fra A Day at the Races e News of the World

Residenza: Roma nord (al momento)

Stato civile: Recluso (se “celibe” è “libero”…) (altro…)

Di zombi, di metropoli e di benzinai

Pubblicato: 5 settembre 2012 in Uncategorized
Tag:,

Dice, e mo’ che è sto blog? Niente, un contenitore più ampio per la mia logorrea cognitiva, ormai strabordante per gli status di Facebook – non ne parliamo per i tweet di Twitter.

Dice, e perché zombie metropolitano? Eh, se me dai un attimo te lo spiego.

Allora, metropolitano perché nacqui, vissi, studiai e lavorai sempre a Roma, che magari a confronto di New York o Londra tanto metropoli non è, però è la polis con più metri che abbiamo in Italia.

Il discorso sugli zombi è un tantino più complesso: provo a riassumerlo prima che facciate in tempo a diventarne uno. (altro…)